Addio Windows 7: Cosa Fare Adesso

Gennaio 14, 2020
Il 14 Gennaio 2020 Windows 7 non riceverà più aggiornamenti. Vediamo cosa fare per non essere presi alla sprovvista.

Windows 7 è stato indubbiamente uno dei sistemi operativi più amati.
Durante la mia carriera di informatico ho spesso sentito frasi come:

“Windows 7 è il migliore, altro che quella schifezza di Vista!”

“Windows 7 era bello, però Windows XP è stato il migliore di tutti, quello si che era un bel sistema, facile, veloce, ecc…”


Mi sono sempre chiesto come mai ancora oggi molti clienti preferiscano addirittura Windows XP a Windows 10, sistema che tutto sommato sta avendo una buona riuscita e viene (quasi sempre) migliorato di aggiornamento in aggiornamento.

L’unica spiegazione plausibile è dovuta alla classica mentalità pigra della maggior parte degli utenti, che non vogliono aggiornarsi e adeguarsi alle nuove modalità.

Filosofia e nostalgia a parte, dobbiamo essere realisti, quando un sistema operativo non è più supportato dal suo produttore e non riceve più aggiornamenti ufficiali, diventa automaticamente NON SICURO.

La sicurezza diminuisce man mano che il tempo passa, quindi man mano che le settimane e i mesi scorrono, i computer con Windows 7 diventano sempre più problematici e insicuri.



Ti segnalo quindi la cosa più importante da fare in questo momento:

Se la tua licenza di Windows 7 è legittima, riuscirai molto probabilmente ad aggiornarlo a Windows 10 gratuitamente.

Non ti consiglio di perdere tempo per capire quale tipologia di licenza tu possa avere, ti suggerisco piuttosto di utilizzare direttamente lo strumento che Microsoft ha messo a disposizione e che trovi qui (link diretto al download):

https://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=691209

Segui la semplice procedura e, se la tua licenza è valida, ti ritroverai con l’ultimissima versione di Windows 10, con gli stessi file e programmi che avevi su Windows 7…

…finito qui? Ebbene assolutamente no!



Ecco una breve consulenza in merito.
Ti invito, prima di aggiornare, a tenere conto dei punti seguenti:

  • Verifica che il tuo computer abbia i requisiti hardware necessari per un utilizzo agevole di Windows 10.
  • Verifica che i programmi che hai su Windows 7 siano totalmente compatibili con il nuovo sistema operativo Windows 10.


In particolare quest’ultima voce è fondamentale, ti faccio un esempio.

In molti usano su Windows 7 il programma di posta elettronica Windows Live Mail, che fa parte del pacchetto Windows Essentials.

Ebbene, il (neanche tanto) caro Windows Live Mail non è più supportato da Windows 10, ciò vuol dire che fatto l’aggiornamento ti ritroverai senza posta elettronica.

Nel caso di una azienda questo si traduce nella manifestazione di espressioni poco raccomandabili che non posso scrivere ma vi lascio tranquillamente immaginare…

L’aggiornamento di un sistema operativo è una cosa seria, ti invito a diffidare dalle guide fai da te, soprattutto in ambito professionale il rischio è molto più alto di quanto pensi.

Inoltre ogni computer è diverso dall’altro e la guida o la procedura che può andare bene per te, potrebbe non andare bene per un altro.
Se hai necessità di aiuto per il tuo specifico caso posso aiutarti tramite consulenza online.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su reddit
Matteo Serra

Matteo Serra

Corsi & Consulenza Informatica Online

Hai bisogno di aiuto ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I Trend

Articoli più popolari

Smart Working e Accesso Remoto, una Soluzione Pratica

Smart Working, Telelavoro, Remote Working?
Tutti indicano qualcosa di diverso, non si capisce più niente!
Io propongo una visione più pratica.
Nell’emergenza dobbiamo rispondere prima di tutto alla domanda principale:
Come si accede da casa ai computer dell’ufficio o dello studio in cui lavoriamo?

Il GDPR Non è Stato Compreso

Il GDPR è stato creato con una ‘filosofia diversa’. Per questo è sottoposto a tutta una serie di interpretazioni soggettive, ‘furbe’ e spesso errate: vediamoci chiaro.